martedì 26 luglio 2016

BASTA SPECULAZIONE ENERGETICA: LA TERRA È LAVORO!

La crisi economica ed il capitalismo, dopo aver creato impoverimento e perdita di posti di lavoro, specialmente per i nostri giovani, continuano nella direzione di distruggere il nostro popolo, affamandolo più possibile.
In questo momento di grave mancanza di posti di lavoro, dove ci si svende per uno stage sottopagato pur di avere un piatto di pasta, è inammissibile vedere ancora ettari ed ettari di terreno “coltivati” a pannelli solari, piuttosto che a pale eoliche. È altresì inaccettabile che ettari di coltivazioni, di varia natura, finiscano per essere “mangiati” dalle centrali a biomasse, piuttosto che essere cibo per noi o per gli allevamenti.
I grandi capitalisti, italiani ed esteri, acquistano, ormai a prezzi stracciati, ettari ed ettari di terreno i quali, invece di essere destinati a creare posti di lavoro, volti al sostentamento agricolo nazionale, servono ad una mera e triste speculazione energetica, con tanto di sovvenzioni statali.
Per questo, Forza Nuova chiede:
-di rivedere le concessioni statali per le energie rinnovabili, con l’obiettivo di non creare energia in eccesso.
-di rivalutare le concessioni sulle centrali a biomassa che, ormai è evidente, avvelenano la nostra agricoltura e tolgono materia prima agricola al popolo ed agli allevamenti.
-di concedere agli agricoltori maggiori sovvenzioni per fare agricoltura e per creare posti di lavoro, piuttosto che concederne per tenere la terra incolta e/o “piantare” pale eoliche.
Federico Trotta
Resp. Dipartimento politiche agricole, ambientali ed energetiche

Nessun commento:

Posta un commento